Il Senatore Navarro annuncia “Ley Bolsonaro” per destituire candidati che diffondono notizie false

  • Il parlamentare ha informato che si tratta di un progetto di riforma costituzionale affinché che “chiunque aspiri a raggiungere una posizione di elezione popolare distribuendo false notizie sui rete sociale o sulla messageria online durante le elezioni, non prosegua nella campagna”.

Bollandola come “una necessaria riforma per salvaguardare la democrazia”, il senatore Alejandro Navarro ha definito la regola costituzionale che proporrà al Congresso poiché pretende di sanzionare “con provvedimenti inibitori della candidatura presidenziale politica, parlamentare, comunale o regionale, quando è responsabile per la diffusione di notizie false di alcuni contendenti elettorali, durante la rispettiva campagna”.

Per Navarro, “questa riforma sancirà il nuovo modo di fare politica che ha adottato l’estrema destra latinoamericana, che avanza usando i Big Data, Cioè: ricercare le preferenze degli utenti dei social network su Internet, quindi diffondere menzogne e distruggere la reputazione di candidature dei suoi concorrenti “.

Inoltre, ha riconosciuto che ” las fake news o notizie false, sono difficili da combattere, perché gli elettori si fidano della loro prima impressione. Allo stesso modo, la menzogna elettorale ha effetti devastanti sul dibattito politico, perché chiunque li pronunci difficilmente perderà quindi qui dice difficilmente rettifica, ed probabilmente non lo farà mai”.

“Un Presidente della Repubblica deve essere un leader che trionfa senza imbrogliare nel dibattito politico e nelle urne. Altrimenti, vincerà quello che mente di più, quelli che possono esercitare la loro influenza attraverso i social network, quella che quello che ha assoldato più società di marketing politico per manipolare le informazioni e fornire contenuti falsi in maniera deliberata. Questo non non è vivere in sana democrazia “, ha detto il parlamentare.

PERCHÉ LA “LEGGE BOLSONARO”?

Navarro ha spiegato quello che definisce “Ley Bolsonaro” alla sua proposta legislativa “fa riferimento alla modalità di fare politica dei candidato presidenziale in Brasile, Jair Bolsonaro, che è stato è stato scoperto per pagare attraverso gli imprenditori amichevoli la diffusione di notizie false sulla candidatura del suo adversaio politico durate le elezioni presidenziali in Brasile, ad ejempio: che stava distribundo un kit gay per bambini di 6 anni nelle scuole; la foto di una donna pro Bolsonaro aggredita, ma che in realtà era un’attrice che ha subito un incidente; che Haddad ha difeso l’incesto in uno dei suoi libri o che avrebbe presentato un disegno di legge per legalizzare la pedofilia.”

Ha ricordato altri esempi: “In Messico, il candidato ed ex giocatore di calcio, Cuauhtémoc Blanco, è stato diffamato da una compagnia pagata dal suo concorrente elettorale, che lo ha incolpato per il massiccio taglio d’acqua nella Municipalità di Cuernavaca. Hanno inventato che il vescovo lo aveva accusato e lui l’ha negato, poi il vescovo si è offerto per denunciare insieme a Bianchi a queli chi avevano raccontato queste bugie, che
chi hanno accettato la loro colpa al confessare la strategia elettorale usata. Casi come questi sono vergognosi.”

“Qualcosa di simile è accaduto con Donald Trump, quando è stato accusato di utilizzare il sistema Cambridge Analytica, che ha studiato i profili utente di Facebook, per inviare false notizie personalizzate in favore della sua candidatura”, ha detto il parlamentare.

Ha anche avvertito che “le notizie false sono un’efficace manovra elettorale. I candidati che li usano sfortunatamente vincono le elezioni. Non possiamo lasciare che queste scorrette pratiche conquistano la politica cilena.

Vediamo un po ‘di tutto questo nello stile di Camila Flores e le sue parole secondo le quali la Brigata Ramona Parra era di un gruppo estremista.. In conclusione, è una palla di neve che non possiamo lasciare crescere, perché la menzogna non può essere la base di nessuna strategia elettorale “.

RIFORMA COSTITUZIONALE

Il parlamentare ha spiegato che “per quanto riguarda la tecnica legislativa per stabilire questa causa di licenziamento dell incarico, è essenziale aggiungerlo alla Costituzione. Il Congresso ha già esperienza con la violazione della legge sulle spese elettorali, perché prima era necessario riformare gli articoli 60 e 125 della Carta fondamentale, attraverso la legge 20.870. Pertanto, la Costituzione è il primo passo, quindi dobbiamo passare alla Legge di riforma 18.700 su Elezioni popolari e controllo. “

In questo senso, il senatore Navarro ha dichiarato: “Speriamo di raggiungere un consenso politico. La politica e la democrazia sono già state colpita dalla corruzione. Siamo in pochi a non avere “boletas” falsi e non siamo coinvolti nel finanziamento illegale della politica. Non possiamo accettare gli trappole elettorali dell’estrema destra americana “

Infine, ha invitato: “Noi crediamo di sapere, che esiste una destra rispettabile con cui possiamo raggiungere il necessario consenso politico per concordare una riforma di questo tipo, per evitare l’avanzata di la corruzione, che per riuscire a vincere un’elezione diffondono false informazioni. Stiamo invitando a Renovación Nacional, UDI e Evopoli affinché che promuovono tali obiettivi per il bene del Cile e della nostra democrazia “.

STAMPA SENATORE ALEJANDRO NAVARRO

0 shares

Agregar un comentario

Su dirección de correo no se hará público. Los campos requeridos están marcados *